Manuale Tecnico

PREMESSA

II drenaggio dei terreni con il sistema wellpoint manca di una specifica letteratura tecnica nonostante sia ormai applicato diffusamente nelle costruzioni civili e industriali. Sono ancora poche le ricerche effettuate in questo campo da università ed istituti tecnici, anche se esiste una vasta bibliografia sul comportamento delle falde idriche sottoposte a pompaggio(Dupuit, Theis, Darcy, Chapmann, Engelund etc.). Quasi tuttoquello che esiste oggi su questo metodo di drenaggio si basa sulle esperienze delle società costruttrici e utilizzatrici, e questo si può intuire dalle seguenti considerazioni:

  1. il dimensionamento di un impianto wellpoint per il suo utilizzo entro limiti di sicurezza, generalmente viene fatto sulla base dell’esperienza pratica maturata per analogia in una vasta casistica di cantieri;
  2. i terreni nella pratica si discostano fortemente da quelle caratteristiche di isotropia e omogeneità su cui si basano tutte le teorie esistenti e quindi sarebbe necessario introdurre coefficienti correttivi di difficile rilevazione e scarsa affidabilità
  3. le indagini necessarie per la rilevazione dei parametri richiesti per soddisfare matematicamente certe relazioni non troverebbero giustificazione nella normale utilizzazione degli impianti wellpoint. Fino a qualche tempo fa si pensava che il sistema wellpoint fosse utilizzabile solamente nei terreni sabbiosi (medie permeabilità), mentre attualmente viene correntemente usato anche nei terreni limosi e argillosi (basse permeabilità), nei terreni ghiaiosi (elevate permeabilità), nei terreni con stratificazioni impermeabili e, in qualche caso, anche rocciosi. Nello studio di fattibilità delle costruzioni da eseguire in presenza di falda acquifera, il drenaggio con il sistema wellpoint merita senz’altro il primo posto nella graduatoria di applicabilità in considerazione della sua semplicità, versatilità ed economicità. Nelle pagine che seguono sono raccolte le considerazioni tecnico-pratiche derivanti dall’esecuzione di numerosi drenaggi nelle più svariate situazioni stratigrafiche e logistiche.

II drenaggio dei terreni con il sistema wellpoint manca di una specifica letteratura tecnica nonostante sia ormai applicato diffusamente nelle costruzioni civili e industriali. Sono ancora poche le ricerche effettuate in questo campo da università ed istituti tecnici, anche se esiste una vasta bibliografia sul comportamento delle falde idriche sottoposte a pompaggio(Dupuit, Theis, Darcy, Chapmann, Engelund etc.). Quasi tuttoquello che esiste oggi su questo metodo di drenaggio si basa sulle esperienze delle società costruttrici e utilizzatrici, e questo si può intuire dalle seguenti considerazioni:

  1. il dimensionamento di un impianto wellpoint per il suo utilizzo entro limiti di sicurezza, generalmente viene fatto sulla base dell’esperienza pratica maturata per analogia in una vasta casistica di cantieri;
  2. i terreni nella pratica si discostano fortemente da quelle caratteristiche di isotropia e omogeneità su cui si basano tutte le teorie esistenti e quindi sarebbe necessario introdurre coefficienti correttivi di difficile rilevazione e scarsa affidabilità
  3. le indagini necessarie per la rilevazione dei parametri richiesti per soddisfare matematicamente certe relazioni non troverebbero giustificazione nella normale utilizzazione degli impianti wellpoint. Fino a qualche tempo fa si pensava che il sistema wellpoint fosse utilizzabile solamente nei terreni sabbiosi (medie permeabilità), mentre attualmente viene correntemente usato anche nei terreni limosi e argillosi (basse permeabilità), nei terreni ghiaiosi (elevate permeabilità), nei terreni con stratificazioni impermeabili e, in qualche caso, anche rocciosi. Nello studio di fattibilità delle costruzioni da eseguire in presenza di falda acquifera, il drenaggio con il sistema wellpoint merita senz’altro il primo posto nella graduatoria di applicabilità in considerazione della sua semplicità, versatilità ed economicità. Nelle pagine che seguono sono raccolte le considerazioni tecnico-pratiche derivanti dall’esecuzione di numerosi drenaggi nelle più svariate situazioni stratigrafiche e logistiche.

Scarica il nostro manuale tecnico